Il TG1 in soccorso dei deboli e dei discriminati

Sentenza TAR, servizio TG1 ore 13.30 del 12/8/09 – dal sito dei Radicali

Insegnanti di religione, la Cei contro il Tar – studio 26″ servizio 1’38” tempo d’antenna per la Cei 1’16”
‘Una sentenza pretestuosa, povera di motivazioni che danneggia la laicità dello stato’, questo il netto commento del presidente della Commissione Episcopale per l’educazione cattolica, monsignor Coletti sulla decisione della Tar del Lazio che esclude gli insegnanti di religione cattolica dagli scrutini. La Cei ricorda che l’ora di religione è parte integrante della cultura italiana. Sentiamo il servizio di Gabriella Capparelli.


‘La laicità è stata danneggiata dalla decisione del Tar’, la Cei tuona contro la sentenza del Tar del Lazio che ha escluso dagli scrutini gli insegnanti di religione cattolica, ‘Se per laicità si intende l’esclusione dall’orizzonte culturale e formativo di ogni identità’ -spiega monsignor Coletti, presidente della Commissione Episcopale per l’educazione cattolica, la scuola e l’università – ‘si cade nel più bieco e negativo risvolto dell’illuminismo che prevede che la pace sociale sia garantita dalla cancellazione delle diversità e delle identità’.
In voce Diego Coletti: ‘92% delle famiglie italiane scelgono l’insegnamento della religione cattolica, questo non deve entrare nel computo della valutazione dell’alunno, sarebbe davvero una cosa strana !'(durata 12″)
Per monsignor Coletti inoltre non spetta alla chiesa fare ricorso contro la decisione del Tr, definita ‘pretestuosa’, è compito del Ministero e dei cittadini. La sentenza del Tar del Lazio ha stabilito che gli insegnanti di religione cattolica non possono partecipare agli scrutini e non possono avere effetti sulla determinazione del credito scolastico. Secondo il Tar si creerebbe una discriminazione in quanto lo Stato italiano non assicura lo stesso diritto agli studenti che seguono altre confessioni. Il Tar ha accolto i ricorsi presentati da alcuni studenti sostenuti da associazioni laiche che chiedevano l’annullamento delle ordinanze ministeriali firmate dall’ex ministro Giuseppe Fioroni e adottate durante gli esami di Stato del 2007 e del 2008. Un tema che anima il dibattito politico con posizioni trasversali negli schieramenti politici: contro la decisione del Tar Lupi e Gasparri del Pdl, Volontè dell’Udc e Binetti del Pd; a favore i Radicali.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...