Vita da Nicò

“Mo’ ricordati che devi pagà tutte le cambiali che so’ state aperte e in più devi pagà lo scotto della tua vita. Nicò, perché tu una vita non ce l’avrai più…”

“Nicò, non stai facendo un cazzo, perdendoti nelle tue elucubrazioni, ti ho avvisato una, due, tre volte ed io con un coglione come te non me ce ammazzo…vuoi fare il senatore? prendi i tuoi 7.000 euro al mese, vattene affanculo e non me rompe se no ti metto le mani addosso”.

“Sei una grandissima testa di cazzo…Nicò, sei proprio sballato, sei una grande delusione, lo sai Nicò…”

Così, secondo i testi delle intercettazioni telefoniche pubblicate dai quotidiani, l’imprenditore Gennaro Mokbel si è rivolto in diverse occasioni al senatore del Pdl Nicola Di Girolamo, sospettato di essere stato eletto grazie all’intervento della  criminalità organizzata. Di Girolamo è coinvolto nell’inchiesta della magistratura su telefonia e fondi neri.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...