La Rai in Sudamerica? Non pervenuta

Mentre si diffondono, anche sul web, le proteste, le raccolte di firme e gli appelli contro l’annunciata chiusura di alcune sedi Rai di corrispondenza all’estero, i Tg Rai stanno coprendo il disastroso terremoto in Cile con servizi preparati dalle redazioni di Saxa Rubra. Eppure la Rai dovrebbe avere, anzi ha ancora (forse vivo, magari vegeto), un ufficio di corrispondenza da Buenos Aires. Che certamente costa alla Rai (e a noi che paghiamo il canone) alcune decine di migliaia di euro all’anno. Come mai non viene utilizzato in questa emergenza, per seguire un avvenimento che è sulla prime pagine  di tutti i giornali del mondo? Prego, qualcuno ci illumini su questo assordante silenzio della Rai dal Sudamerica. Se le sedi Rai all’estero funzionano così forse fanno davvero bene a chiuderle.

Un commento su “La Rai in Sudamerica? Non pervenuta

  1. lodger ha detto:

    Buenos Aires tra le sedi Rai a rischio.

    http://rassegna.camera.it/chiosco_new/pagweb/immagineFrame.asp?comeFrom=rassegna&currentArticle=Q4PLG

    “… l’impatto complessivo di queste sedi si aggira sui 900 mila euro, una cifra marginale per l’economia aziendale”.

    Ok, ma non sarebbe meglio se costassero il triplo e fossero messe nelle condizioni di produrre di più?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...