2010: meno sicuri

Instabilità e conflitti costano sette triliardi di dollari l’anno secondo il Global Peace Index, appena pubblicato. Rispetto a tre anni fa l’Italia risulta più fragile e instabile. Nella classifica globale scende dal 33esimo al 40esimo posto. La Germania è al dodicesimo. La classifica è stilata a partire da conflitti politici e sociali e percezione dei rischi da parte della popolazione. Nonostante i numeri oggettivi, dalle cifre risulta che gli italiani si sentono meno sicuri degli altri europei. E questo danneggia il paese perché è dalla percezione dei rischi che dipendono le scelte dei cittadini, in politica come in economia. A guidare la classifica sono Nuova Zelanda e Islanda: un paese che, nonostante la crisi economica, a quanto pare è rimasto unito e ha fatto fronte davanti alle nuove sfide. In fondo alla classifica ci sono Somalia, Afghanistan e Iraq.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...