Vola bene e va lontano il “Formichiere pilota” di Frediano Finucci

Frediano Finucci, giornalista televisivo, capo della redazione economica del Tg de La 7, da qualche tempo scrive con successo racconti per bambini.

Frediano, come, quando e perché hai cominciato a scrivere le storie del Formichiere pilota?
 Il formichiere pilota è una storia che ho creato per mia figlia Margherita, nel 2006, nei mesi in cui da Bruxelles mi stavo trasferendo a Roma e passavo davvero tantissimo tempo in aereo. Col passar dei mesi mi sono reso conto che la storia e i suoi personaggi stavano prendendo vita propria: avendo in passato fatto dei corsi di sceneggiatura, ho deciso di sistemare il tutto come fosse un vero soggetto: background, ricerche, dettagli, dinamiche tra i personaggi, ambientazione e così via. Ovviamente ogni cosa doveva ottenere prima il gradimento di Margherita… Circa un anno dopo ho avuto l’occasione di presentare il personaggio a Mondadori che, con mia grande sorpresa, mi ha comprato subito i diritti letterari e cinematografici. Un altro annetto di lavoro e le prime due storie sono state presentate al salone del libro per bambini di Bologna, a marzo 2010, e il terzo e il quarto volume a quello di Francoforte, a ottobre. Tutti con i disegni della bravissima illustratrice Ilaria Falorsi.

Per te scrivere storie per bambini è anche una evasione dalla cronaca nella quale siamo immersi noi giornalisti?
No, non penso sia possibile per un giornalista evadere dal suo mondo: devi sempre avere le antenne dritte dalla mattina quando ti svegli sino a quando vai a letto.  Però… scrivere per i bambini è un’esperienza  che, ho scoperto, è comune a molti giornalisti che poi si sono avventurati nella letteratura per l’infanzia. E quasi tutti hanno iniziato scrivendo per i loro figli. 

Ci hai preso gusto? Che sviluppi prevedi per le tue storie? Diventeranno anche un film?
 Si, veder crescere una propria creatura di fantasia è molto gustoso e divertente. E anche impegnativo, perché scrivere per i bambini è tutt’altro che facile. Gli sviluppi? Non lo so, dipende dal gradimento del libro. Per il film, béh, già è una grande soddisfazione quando tua figlia prende in mano un libro che hai scritto; vederla poi di fronte ad un film sul personaggio che hai creato per lei ,  sarebbe davvero il massimo.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...