La Commedia dell’informazione

In certi programmi di cosiddetta informazione della televisione italiana si osserva una deriva verso il genere della Commedia dell’Arte. Nella Commedia dell’Arte non c’è testo teatrale ma, come dice Wikipedia, un canovaccio (detto anche scenario). I personaggi entrano in scena per dar vita a un intreccio di equivoci e provocazioni che culmina in un pandemonio di insulti e bastonate. Così avviene in certi dibattiti televisivi. Si invitano personaggi che sono sempre gli stessi, come le maschere della Commedia dell’Arte: il Capitan Fracassa, il Pulcinella, il Balanzone, il Pantalone. Con la scusa di un dibattito i personaggi si stuzzicano fino a quando la polemica degenera. Nel momento in cui tutti urlano, l’obiettivo è raggiunto: gli ascolti sono al massimo.

Qui sotto, invece, una parodia di sceneggiata. Anche questo è un genere dove i personaggi si pizzicano a vicenda fino all’esplosione delle passioni.

La sceneggiata e la Commedia dell’Arte sono invenzioni italiane.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...