Si può fare!

Dare una scossa all’informazione. Ridurre la presenza dei politici: sui giornali, alla radio, in televisione. Rimettere al centro dell’informazione i lettori, la nostra vita, i nostri problemi – ciò che davvero interessa al pubblico. Allineare la copertura dei fatti politici agli standard del migliore giornalismo internazionale. Si può fare?

Da che parte stare?

“… parlare della crisi dei giornali come se si trattasse di un evento puramente economico lascia in ombra il fatto che le crisi dei giornali di carta son servite per fare uscire dal mercato del lavoro molti giornalisti; per ridurre il potere contrattuale dei giornalisti; per tenerli sotto ricatto con la minaccia della perdita del posto di lavoro; per far carico allo Stato di costi che in qualche caso, posso immaginare, saranno anche stati dipendenti da inabilità gestionali più che dalla congiuntura economico-astrale …”

Dall’intervista a Federica Sgaggio, autrice di:

Il paese dei buoni e dei cattivi
Perché il giornalismo, invece di informarci, ci dice da che parte stare
Minimum Fax

Superman dice addio agli USA e diventa cittadino del mondo

Superman, il mitico eroe dei fumetti, rinuncia alla cittadinanza americana e diventa cittadino del mondo. Nel timore che le sue azioni vengano viste come uno strumento della politica estera degli Stati Uniti, Superman decide un impegno più globale, al servizio della comunità mondiale. La decisione di Superman (sceso sulla Terra da Krypton e adottato da una  famiglia di Smallville, in Kansas) è arrivata dopo una brutta avventura a Teheran, con gli iraniani che lo accusano di essere in missione per conto degli Stati Uniti. La storia esce sul numero 900 di Action Comics, in un fumetto scritto da David Goyer e disegnato da Miguel Sepulveda. AP Photo

Il Manifesto ha 2 volte vent’anni. Auguri!

Tanti auguri al quotidiano Il manifesto, che oggi compie 40 anni. Infatti il primo numero del quotidiano comunista fu pubblicato il 28 aprile del 1971. Per l’occasione il giornale arriva in edicola al prezzo di 50 centesimi e con un supplemento dedicato alla ricorrenza. In sommario c’è anche una intervista con Umberto Eco. Tra i messaggi di auguri arrivati alla redazione spicca  quello firmato dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.

La nonnina di Tyler

Nella sua rubrica Fast Lane, pubblicata ogni sabato sull’ultima pagina dell’inserto culturale Life&Arts del Financial Times, Tyler Brulé ci racconta i suoi preparativi per le prossime vacanze estive. Tyler sembra molto preoccupato di trovare una sistemazione ideale per la nonnina novantenne. Come aeroporti per sbarcare la nonnina, che probabilmente arriva dal Canada,  Tyler prende in considerazione soltanto gli scali di  Monaco o Zurigo. Ma poi dove andare? A Pantelleria la nonnina non si era trovata troppo bene. La vegliarda vuole negozi, vita, attività, un chiosco di giornali, bar e ristoranti. Forse la scelta cadrà su Forte dei Marmi. Ma dove? Hotel? Appartamento? Il dubbio verà risolto domani, nel pranzo di Pasqua a casa Brulé.