La Birmania ci fa un baffo

I disegni di legge che vogliono censurare la Rete suscitano preoccupazione anche all’estero.

Secondo i progetti del governo un sito come questo potrebbe essere oscurato senza spiegazioni e senza possibilità di fare appello.

In campo anche Gabriella Carlucci.

L’opposizione si oppone? No, dà una mano.

Questo sito potrebbe essere chiuso non per quello che leggete su questo sito, ma per quello che pubblicano altri blog sulla piattaforma WordPress. Come chiudere l’autostrada perché un tizio ha fatto un’infrazione.

Da un giorno all’altro al posto di questo sito potreste trovare questo. E tanti saluti.

Notte bianca nel Darfur?

Tempo fa Tony Blair ha annunciato che si sarebbe impegnato per la pace in Medio Oriente. Sono annunci che difficilmente passano inosservati. Infatti da allora l’ex primo ministro è stato chiamato più volte a rispondere del suo nuovo lavoro all’estero.
In Italia certi annunci sono scritti sulla sabbia. Nessuno ha più chiesto a Veltroni che fine abbia fatto fare ai suoi propositi di andarsene in Africa. E a Piero Fassino del suo contributo per i diritti umani in Birmania per conto dell’Unione europea.
Meglio così. Facciamo finta di niente. Facciamolo per l’Africa e per la Birmania.