Vivere di conserva

“Gesù non era un conservatore, ma era molto esigente nelle sue richieste. La Chiesa come istituzione umana tende piuttosto a conservare se stessa. La storia lo dimostra. Ma quando ci lasciamo prendere dalla libertà di Cristo, sperimentiamo una grande gioia e possiamo muoverci con spontaneità”.

(Cardinale Carlo Maria Martini, sul Corriere della Sera del 27 marzo 2011)

Fatti sparsi

Di quello che accade alle manifestazioni studentesche di questo dicembre 2010 si parlerà per mesi, dentro e fuori le aule dei tribunali. Qui, giusto per sintesi, un breve elenco delle novità che si apprenderebbero leggendo il sito del Corriere della Sera:

– Ci sono persone di sinistra che alle manifestazioni fanno il saluto romano. Più volte;
– C’è gente che, pur di non rallentare un corteo, è disposta a uccidere;
– Per chiedere un incontro privato la famiglia dell’aggressore si rivolge alla famiglia dell’aggredito a mezzo stampa;
– Per qualche motivo un cronista continua a definire integrale un casco che chiaramente non lo è;
– Tutta la storia di questa aggressione è venuta fuori perché, tra manifestanti aggressori e manifestanti aggrediti, è pieno di manifestanti che filmano e fotografano.

Letterina

Caro Di Pietro,
In un’intervista al Corriere della Sera oggi fai mea culpa. Ma non basta. E no. Come scrivevamo ieri, dovresti spiegare dove prendi la gente che porti in Parlamento, come la scegli. Oggi ti dici dispiaciuto di quello che è successo, dei due deputati del tuo partito che hanno dato al governo due dei tre voti che gli hanno consentito di sopravvivere. Insomma, se quei due voti fossero andati dall’altra parte, oggi avremmo una maggioranza diversa. Ed è un film già visto. Già in passato ci sono stati deputati tuoi che hanno fatto il salto, in modo decisivo. E allora: chi, cosa, garantisce che il tuo partito non lo faccia ancora? Che non continui a offrire, attraverso i suoi deputati, altre occasioni d’oro alla classe politica che dichiara di voler combattere? Serve quindi qualche spiegazione sul metodo: Di Pietro, come scegli i tuoi deputati? Chi te li presenta? Come verifichi il loro curriculum? In base a cosa hai stabilito che Razzi e Scilipoti, che oggi hai definito “privi di strumenti culturali”, fossero degni di sedere in Parlamento? Intendi completare la tua autocritica con una dettagliata spiegazione di come sceglierai i tuoi prossimi deputati, per evitare che succeda ancora, ammesso che qualcuno intenda ancora votare il tuo partito?
Fiduciosi in una risposta molto presto,
Atlantis.