Superman dice addio agli USA e diventa cittadino del mondo

Superman, il mitico eroe dei fumetti, rinuncia alla cittadinanza americana e diventa cittadino del mondo. Nel timore che le sue azioni vengano viste come uno strumento della politica estera degli Stati Uniti, Superman decide un impegno più globale, al servizio della comunità mondiale. La decisione di Superman (sceso sulla Terra da Krypton e adottato da una  famiglia di Smallville, in Kansas) è arrivata dopo una brutta avventura a Teheran, con gli iraniani che lo accusano di essere in missione per conto degli Stati Uniti. La storia esce sul numero 900 di Action Comics, in un fumetto scritto da David Goyer e disegnato da Miguel Sepulveda. AP Photo

La nazionale iraniana perde il capitano

Mehdi Mahdavikia si è dimesso da capitano della nazionale iraniana. Con una lettera al popolo iraniano, scritta a mano su tre fogli di carta a quadretti, spiega le sue ragioni. Secondo il sito ufficiale del calciatore, la scelta è dettata dalla voglia di dare spazio ai giocatori più giovani. Ma Mahdavikia è tra i calciatori che durante una partita di nazionale, qualche giorno fa, hanno indossato la fascia verde in segno di solidarietà con le proteste contro il governo. Secondo molti le dimissioni sono un segno di protesta.

Come Hitler

Une jeune fille montre des photos comparant le président iranien Ahmadinejad à Hitler lors d'une manifestation à Los Angeles, le 23 juin 2009.

Una bambina mostra una foto del presidente iraniano Ahmadinejad affiancata a quella di Adolf Hitler. La foto è stata scattata durante una manifestazione a Los Angeles contro il dittatore iraniano. Intanto a Teheran continua la dura repressione del regime e sale la tensione fra il governo  e l’Unione Europea per l’arresto di alcuni dipendenti iraniani dell’ambasciata britannica.

L’Iran che non si rassegna

Emeutes en Iran

I sostenitori di Hossein Mussavi, il candidato riformista e moderato sconfitto nelle elezioni presidenziali in Iran, non si rassegnano e a contestano brogli e manipolazioni. La gente continua a manifestare nelle strade e in alcuni casi la polizia ha sparato sulla folla. Mussavi, intanto, ha dichiarato di “essere pronto al martirio”.

Arriva Facebook in persiano

Launching Facebook in Persian
di Eric Kwan Oggi alle 7.27
Since the Iranian election last week, people around the world have increasingly been sharing news and information on Facebook about the results and its aftermath. Much of the content created and shared has been in Persian—the native language of Iran—but people have had to navigate the site in English or other languages.

Today we’re making the entire site available in a beta version of Persian, so Persian speakers inside of Iran and around the world can begin using it in their native language.

If your browser is set to Persian, you should automatically see the Persian version of Facebook. If you’d like to change your language into Persian, go here, or click on the “Settings” link in the upper-right corner of any page and then go to the “Language” tab. You then can select the language you want from the drop-down menu.

We could not have made this happen so quickly without the more than 400 Persian speakers who submitted thousands of individual translations of the site. Thanks to everyone who has contributed so far. If you speak Persian or any language not yet completely translated, you can help as well by using the Translations application.

Eric is a Facebook engineer working to localize the site.