Atlante dei conflitti: è uscita la seconda edizione.

Atlante delle guerre e dei conflitti nel mondo 2011E’ uscita la seconda edizione dell’Atlante delle guerre e dei conflitti del mondo. Curato dall’Associazione 46° parallelo, realizzato con i contributi di vari giornalisti ed esperti di politica internazionale, edito da Terra Nuova Edizioni, l’Atlante è una guida aggiornata, paese per paese, delle guerre e dei conflitti che insanguinano il mondo. Ricco di cartine, schede e approfondimenti è uno strumento indispensabile per comprendere meglio molte realtà purtroppo trascurate dai mezzi di informazione. Quest’anno le schede dei conflitti sono 35, una in più rispetto allo scorso anno. “La guerra prospera dove mancano i diritti elementari. Trova nutrimento, fan, istigatori. Trova ragioni per esistere. Tentare di salvaguardare la Dichiarazione dei Diritti Umani e l’Onu significa rendere meno facile la vita a chi pensa alla guerra come uno strumento utile per governare, fare soldi, passare alla storia”, scrive Raffaele Crocco, direttore del progetto. L’Atlante, di grande formato, ha 208 pagine e costa 20,00 euro. Si può trovare nelle principali librerie oppure si può ordinare sul sito www.terranuovalibri.it

Guerre, se le conosci le eviti

Raffaele Crocco, giornalista della Rai di Trento, ha ideato e  coordinato l’Atlante dei conflitti e delle guerre del mondo.
-Raffaele, come nasce questo Atlante?

“Nasce dall’esigenza, che ho sentito più volte nella mia attività di giornalista,  di avere uno strumento di facile consultazione per conoscere i luoghi del mondo dove ci sono conflitti. Nell’Atlante ne abbiamo schedati 34. I lettori troveranno mappe, immagini, dati, cronologie e protagonisti delle guerre che si stanno combattendo. Inoltre ci sono degli approfondimenti sulle missioni di peacekeeping e sui danni che le guerre provocano all’ambiente e al patrimonio culturale. I testi sono curati da giornalisti ed esperti (come Ettore Mo, Flavio Lotti, Luciano Scalettari e altri). Offriamo uno strumento di conoscenza, ma c’è anche la speranza che conoscere i conflitti ci possa aiutare  ad evitarli e prevenirli”.
-Sono previsti aggiornamenti?
“Certo. Nell’autunno del  2010 ci sarà una nuova edizione dell’Atlante, ma gli aggiornamenti ci sono anche on line sul sito www.atlanteguerre.it dove si possono già trovare due nuove schede di approfondimento sull’Iran e sullo Yemen”.
-I ricavi delle vendite dell’Atlante come saranno utilizzati?
“Li useremo per finanziare progetti culturali e di solidarietà.  Ci piacerebbe svolgere la funzione, in chiave moderna,  di una società geografica, che favorisce la conoscenza del mondo finanziando idee, progetti, avventure, reportages”.

L’Atlante delle guerre e di conflitti del mondo è stato realizzato  grazie all’impegno dell’Associazione 46° Parallelo, del Premio Ilaria Alpi e con il supporto della Provincia di Trento (che lo ha distribuito nelle scuole). Costa 20 euro. Può essere acquistato on line sul sito www.atlanteguerre.it Sul sito sono indicate anche le librerie d’Italia dove è messo in vendita.