Altro stile

 

Vede qualche analogia fra la situazione di Sarkozy e quella di Berlusconi in Italia?

No, non ne vedo. Nicola Sarkozy ha dei ministri che hanno fatto degli errori, ma lui non è stato toccato direttamente dagli scandali. Sarkozy non ha avuto bisogno di fare leggi per mettere la museruola alla stampa o indebolire la magistratura. E in ogni caso Sarkozy ha un atteggiamento più democratico rispetto a Berlusconi.

(Christophe Barbier, direttore del settimanale francese L’Express, intervistato da Roberto Zichittella per Il Riformista)

No-Sarkò

A Nice, quelques manifestants s'étaient réunis pour le «No Sarkozy Day», le 27 mars 2010.

Si è svolto oggi a Parigi e in tutta la Francia il “No Sarkozy Day’”, iniziativa di protesta analoga a quella organizzata da Beppe Grillo lo scorso 5 dicembre contro il nostro presidente del Consiglio. Alla manifestazione, lanciata da 55 blogger francesi, hanno partecipato alcune migliaia di persone, molte meno del previsto (se ne aspettavano 100.000 e il gruppo di Facebook contro Sarkozy raccoglie 388.000 iscritti). Un No-B day in miniatura, insomma,   anche perché Sarkozy non è certamente  quel pericolo per la democrazia che rappresenta Berlusconi nel nostro paese. Così da oggi Sarkò e il nostro premier sono accomunati dall’avversione del popolo viola. E se da lunedì avessero anche in comune una clamorosa debacle alle regionali?

Carla Bruni diventa org.

Carla Bruni diventa sempre più tecnologica. Al suo sito Carlabruni.com ora si aggiunge anche il sito carlabrunisarkozy.org, nel quale la première Dame di Francia racconterà le attività della sua Fondazione e la sua vita di sposa del Presidente della Repubblica. Nei prossimi mesi la coppia dell’Eliseo dovrebbe sbarcare anche su Twitter. Nicolas Sarkozy invece è già da tempo presente su Facebook e conta oltre 161 mila sostenitori.