L’ombra di Bhopal su London 2012

La Dow Chemical sponsorizza le Olimpiadi di Londra scatenando una dura reazione da parte della Hindu Forum of Britain, che considera la multinazionale tra i responsabili della tragedia di Bhopal, che negli anni Ottanta causò circa 15 mila morti. Gli aderenti all’organizzazione, che conta 800 mila membri, annunciano il boicottaggio. E accusano il governo britannico di aver mentito sul coinvolgimento della Dow nell’organizzazione degli eventi sportivi di London 2012. Come ricordano in tanti, la tragedia fu causata dalla Union Carbide, un’azienda che fu successivamente assorbita dalla Dow – che pertanto si dichiara estranea a quei fatti.

Mario Monti e la vergogna di essere italiani (nel 2005)

Scandali bancari e reputazione del Paese - Non rassegnarsi all’Italia stantia
di Mario Monti

Il Corriere della Sera, 15 dicembre 2005

In molti giovani italiani che lavorano all’estero, o in Italia in contatto con l’estero, ho notato negli ultimi tempi un cambiamento. Prima cercavano con il loro impegno e con la discussione di convincere i colleghi di altri Paesi che certi stereotipi negativi sull’Italia non sono più giustificati, se mai lo fossero stati in passato. Ora, sono assaliti dal dubbio che, dopo tutto, gli stereotipi non fossero infondati e che forse l’Italia sia peggiore di come essi si sforzavano di credere. In altre parole, si vergognano di essere italiani. Questa fuga della fiducia nell’Italia, ancora più grave della fuga dei cervelli dall’Italia, sarà il «merito» più rilevante acquisito sul campo da coloro che si sono battuti per la «difesa dell’italianità » di alcune banche. La magistratura giudicherà. Ma che un Governatore ostenti amicizia per alcuni banchieri, che riceva da loro doni se non baci, che certi parlamentari abbiano il ruolo di portavoce quasi ufficiali del Governatore (anche annunciando che una colazione tra questo e il presidente del Consiglio ha sancito la linea della difesa dell’italianità), che si registrino interventi che mischiano tali questioni con aspetti religiosi, tutti questi sono esattamente i connotati di quell’ «italianità» spregiativa per superare la quale i nostri giovani italiani si battono. Continua a leggere

Si può fare!

Dare una scossa all’informazione. Ridurre la presenza dei politici: sui giornali, alla radio, in televisione. Rimettere al centro dell’informazione i lettori, la nostra vita, i nostri problemi – ciò che davvero interessa al pubblico. Allineare la copertura dei fatti politici agli standard del migliore giornalismo internazionale. Si può fare?

Da che parte stare?

“… parlare della crisi dei giornali come se si trattasse di un evento puramente economico lascia in ombra il fatto che le crisi dei giornali di carta son servite per fare uscire dal mercato del lavoro molti giornalisti; per ridurre il potere contrattuale dei giornalisti; per tenerli sotto ricatto con la minaccia della perdita del posto di lavoro; per far carico allo Stato di costi che in qualche caso, posso immaginare, saranno anche stati dipendenti da inabilità gestionali più che dalla congiuntura economico-astrale …”

Dall’intervista a Federica Sgaggio, autrice di:

Il paese dei buoni e dei cattivi
Perché il giornalismo, invece di informarci, ci dice da che parte stare
Minimum Fax